rspp chi è

La nuova formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro nel d.Lgs. 81/2008 per il datore di lavoro e il preposto

Sicurezza sul lavoro, cosa si intende

Sino ad oggi, il datore di lavoro ha usufruito della possibilità di non frequentare i corsi di formazione obbligatori inerenti alla Sicurezza sul lavoro e soltanto qualora ricopra il ruolo di RSPP, cioè di responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, è tenuto a seguire l’apposito corso abilitante.

Tale situazione ha costituito un grave nocumento alla cognizione delle sue personali responsabilità con le connesse gravi sanzioni dettagliatamente esplicitate nel Testo Unico D.Lgs. 81/2018.

 

 Al fine di iniziare un processo innovativo e dare un segnale forte, il Governo, vista la grave situazione dei ripetuti e continui infortuni mortali degli ultimi anni, ha utilizzato lo strumento del decreto-legge recante misure urgenti in materia economica e fiscale per introdurre alcune modifiche immediate riguardanti la sicurezza sul lavoro.

 

Il Maxi Emendamento

In tale contesto Il Decreto Fisco- Lavoro n.146 del 21 ottobre 2021 riguardante misure fiscali e alcune norme di Sicurezza sul lavoro, è stato convertito in legge il 15 dicembre 2021, con un ulteriore maxi emendamento del stesso Governo ha introdotto una ulteriore e significativa modifica alle norme del D. Lgs.81/2008 attinenti la formazione e gli ulteriori adempimenti per il datore di lavoro, dirigenti e preposti.

La nuova legge 17 dicembre 2001, n.215, modificando l’art. 37 del D. Lgs. 81/2008, contempla ora l’obbligo, non più soltanto di dirigenti e preposti, bensì anche dello stesso datore di lavoro di ricevere un’adeguata e specifica formazione e sceglie una forma perentoria fissando la data del 30 giugno 2022 entro la quale la Conferenza permanente Stato, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, dovrà adottare un Accordo che individui la durata, i contenuti minimi e le modalità della formazione obbligatoria del datore di lavoro in tema di Sicurezza sul lavoro.

 

La legge traccia, inoltre, le indicazioni di questo nuovo accordo, che deve: 

  • accorpare, rivedere e modificare gli attuali Accordi Stato Regioni in tema di formazione. Si prefigura nella sostanza di abolire gli attuali sei differenti Accordi sostituendoli con un solo Accordo che ne unifichi gli aspetti genera e ne definisca solo le singole specificità
  • specificare la durata, i contenuti minimi e le modalità della formazione obbligatoria del datore di lavoro.

Si tratta di una questione fondamentale da decenni reclamata da tutti i soggetti più responsabili ed attenti al ruolo del datore di lavoro, con l’auspicio che non si traduca in un semplicistico adempimento formale per il possesso di un titolo di carta ma determini una vera e propria presa di coscienza delle proprie responsabilità datoriali.

 

La formazione del vertice aziendale punta a far comprendere a pieno l’importanza della salute e sicurezza come pilastro dell’attività imprenditoriale e manageriale; ciascun manager, con il proprio comportamento, deve mostrare la prova provata del valore che effettivamente viene attribuito in azienda alla SSL volto a determinare fortemente il grado di motivazione del personale ad agire in sicurezza.

  • Individuare le modalità della verifica finale di apprendimento obbligatoria per i discenti di tutti i percorsi formativi, per cui viene di fatto riconosciuto che il sistema attuale delle verifiche finali non funziona e non garantisce una formazione appropriata.

Il sistema formativo che verrà delineato dovrà essere obbligatorio per tutti i partecipanti e per ogni tipo di corsi di formazione, garantendo un percorso di qualità ed efficacia.

Inoltre, è necessario affrontare la problematica della digitalizzazione e dei corsi in presenza con le relative verifiche e la previsione di obbligatorietà di piattaforme che permettano al docente di verificare la puntuale presenza del discente e testino la sua attenzione, adottando la verifica periodica con test personalizzati e l’accertamento dell’assenza di strumenti fisici e elettronici che possano falsare le prove di esame. 

  • Individuare le modalità di verifica nei corsi di aggiornamento obbligatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro, con l’individuazione di piattaforme, procedure e strumenti di controllo, atti a garantire la correttezza dell’esame e l’identità dell’esaminando. E viene introdotta la  novità che la verifica finale  viene prevista anche per i corsi di aggiornamento.

 

  • Individuare le modalità di verifiche di efficacia della formazione durante lo svolgimento della prestazione lavorativa. Si tratta di un aspetto fondamentale in quanto si introduce il termine di verifica e di efficacia che deve essere attuata dopo la formazione all’interno dell’ambiente di lavoro e durante lo svolgimento della prestazione lavorativa.

 

A breve si prefigura dunque, che oltre ai dirigenti e ai preposti anche i datori di lavoro saranno tenuti ad un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, secondo i nuovi obblighi previsti nel TU per i titolari d’azienda riguardanti la partecipazione personale ai corsi formativi e agli aggiornamenti periodici in materia di salute e sicurezza e la nomina con atto formale per l’individuazione del preposto.

 

È opportuno rammentare che in caso di inadempienza del datore di lavoro ai propri obblighi formativi, gli ispettori potranno adottare le sanzioni previste all’art.55, co.5, Lett. c) D.lgs. 81/2008:

  • l’arresto da 2 a 4 mesi o l’ammenda da 1.474,21 a 6.388,23 euro
  • la sospensione dell’attività imprenditoriale, per gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro: tra le gravi violazioni è infatti riportata anche l’ipotesi di mancata formazione ed addestramento. 

Un’attenzione particolare alla formazione dei preposti prevista dalla nuove norme che dovrà trovare applicazione nel nuovo Accordo per poter assicurare l'adeguatezza e la specificità della formazione nonché l'aggiornamento periodico.

Tra le indicazioni principali è previsto l’aggiornamento obbligatorio con cadenza biennale e non di cinque come prevede l’attuale accordo.

Un aspetto senza dubbio innovativo che dovrebbe far riflettere nel contesto dei differenti accordi dove in particolare è previsto un aggiornamento quinquennale.

 

Altra novità indicata dalla legge e non lasciata alla definizione dell’accordo specifica come le attività formative del preposto devono essere svolte interamente con modalità in presenza.

Ciò solleva sicuramente qualche riflessione, soprattutto per quanto riguarda gli aggiornamenti che, in tutti gli Accordi sono emessi, da tempo, tramite la formazione in modalità e-Learning e che quindi la presenza possa svolgersi in diretta streaming con piattaforme sincrone che verificano l’identità del discente e la loro attenzione.

 

È opportuno rammentare che se il datore di lavoro non adempirà ai propri obblighi formativi, gli ispettori potranno adottare le seguenti sanzioni art.55, co.5, Lett. c) D.lgs. 81/2008:

  • l’arresto da 2 a 4 mesi o l’ammenda da 1.474,21 a 6.388,23 euro
  • la sospensione dell’attività imprenditoriale per gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro: tra le gravi violazioni è infatti riportata anche l’ipotesi di mancata formazione ed addestramento.

Significative e si potrebbe anche dire dirompenti, sono poi le norme che sono destinate ad operare un maggior coinvolgimento del preposto nell’opera di vigilanza.

Si tratta di norme che impongono al datore di lavoro e ai dirigenti un nuovo obbligo, quello d’individuare i preposti per l’effettuazione delle attività di vigilanza; che impongono al preposto una volta così individuato a svolgere gli specifici compiti previsti dalla nuove norme, e che nel caso d’inosservanza delle disposizioni impartite o di rilevazione di condizioni di pericolo da parte del personale sotto la sua diretta vigilanza,  il preposto non può limitarsi ad avvertire i diretti superiori, ma deve intervenire, e, ove del caso, interrompere l’attività.

E ciò, tuttavia, restando immutato l’art. 18, comma 3-bis, TUSL, in forza del quale il datore di lavoro e i dirigenti sono tenuti a vigilare in ordine all'adempimento degli obblighi sia dei lavoratori, sia dei preposti, e, in caso d’inadempimento, vengono esplicitamente chiamati a rispondere ove incorrano in un difetto di vigilanza.

 

 

Agata Carli

Il livello di nozioni fornite è stato in linea con quanto mi aspettavo dal corso anche se risultavano imprescindibili nozioni pregresse. Il docente è sempre stato preciso, apportando anche degli esempi concreti della pratica lavorativa ed essendo sempre disponibile a domande e chiarimenti.

Valentino Fabbricatore

Slide fatte bene, chiare. Sviluppo dei moduli didattici buono e buona qualità nel complesso. Docente chiaro nel spiegare gli argomenti (anche con esempi concreti di sue esperienze), coinvolgente grazie ad esercitazioni.

Antonio Ammendola

E' un ottimo corso, con un certo grado di partecipazione nonostante le modalità di didattica a distanza. Il docente è chiaro dell'esposizione e rende poco pesante le lezioni nonostante la mole di ore giornaliere che le compongono.

rspp chi è

RSPP: chi è

Chi è l'RSPP, di cosa si occupa e come si diventa Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione.

CONTATTI

numero verde bianco

ROMA

SEDE DIDATTICA ATC E AMMINISTRATIVA
Via Giano della Bella 18, 00162 Roma
(+39) 06 875 648 33

SEDE TORINO ATC

Torino:
Via San Donato 59, 10144
(+39) 011 192 17092

ALTRE SEDI DI CERTIFICAZIONE:

Milano:
Corso San Gottardo 19 Int. 1, 20136
( 39) 02 4944 8572

Firenze:
Viale Belfiore 10, 50144
(+39) 055 3241 233

Bologna:
Via Guglielmo Marconi 51 40122
(+39) 051 022 6489

Genova:
Corso Andrea Podestà 8, 16128 
(+39) 010 539 9783

Bari:
Via Carrante, 9 – 70124 BA
(+39) 080 2056 949

Catania:
Via Tarelli, 3 - 95022 - Aci Catena
presso TESI Automazione srl
(+39) 095 7643 817

Padova:
Via Savonarola 217 - 35137 Padova
(+39) 049 823 5815

Napoli:
Via San Giacomo 32, 2 piano - 80133
(+39) 081 006 3612

Cagliari:
Viale Cristoforo Colombo 88
Piano 2° - Quartu Sant'Elena
(+39) 070 7966972

LEGALE

Informativa sulla Privacy
Note Legali
Uso dei Cookie
Termini e Condizioni

RESTA CONNESSO

logo facebook
logo twitter
logo youtube

ENTE ACCREDITATO

logo cni

logo regione lazio

logo unisapiens

logo certiport

logo agid

A-SAPIENS

logo-unisapiens-150

Mettiti in contatto con noi!

Inviando il presente modulo accetti il trattamento dei dati personali da parte di A-Sapiens secondo quanto disposto dalla nostra informativa sul trattamento dei dati personali.

© 2022 Gruppo A-Sapiens - Via Giano della Bella 18, 00162 Roma - UniSapiens s.r.l. - P. IVA 13972011004 - Web by Logo Cooldesign